Optimized for Android /IOS

Loc. Pievescola - 53031 Casole d'Elsa (Siena) Italy - tel. / fax :0577 96.00.71 

mobile phone: 333 - 697.59.79 / 320 - 68.74.794 

e-mail:  info@torredoganiera.it  - Autorizzazioni di Legge



Attualmente ti trovi sulla pagina : ' Per Saperne di Più '  ; se l'argomento non ti interessa   in alternativa puoi consultare altre pagine :

Su ] [ Per Saperne di Più ] cosa vedere ] Come Arrivare ] la Terra di Casole ]

oppure puoi tornare ai livelli superiori cliccando su : 

Home ] Appartamenti ] Chi Siamo ] Dove Siamo ] Prezzi / Prices ] cucina tipica senese ] Photogallery Index ]


Le numerose necropoli etrusche della zona, la vicinanza a Siena ed i suoi gioielli d'arte, San gimignano a 25 minuti d'auto e Volterra a 35, San Galgano con le sue suggestive leggende e Firenze a 50 minuti di distanza, pongono Torre Doganiera come un punto di partenza ideale per numerose escursioni di ti­po culturale

Abbazia Cistercense di San Galgano

 

Pievescola è un piccolo borgo di origine medioevale cresciuto intorno alla pieve romanica fortificata dedicata a San Giovanni Battista fondata intorno al 1064, come tramanda la leggenda, dalla contessa Ava di Montemaggio.  

Interno della Pieve Romanica di San Giovanni Battista a Pievescola


vista dell'abitato di Pievescola

 

In Pievescola è possibile effettuare acquisti di prima necessità in un piccolo minimarket posto immediatamente di fronte alla chiesa; si possono acquistare pane, pasta, olio, vino, acqua minerale, frutta e verdura, salumi etc., oltre ad altri generi alimentari e non.

Vi sono due piccoli bar, un ristorante-pizzeria, un coiffeur unisex nochè una edicola-cartoleria e tabaccheria.

distributori di Benzina e gasolio a 2 km e 5 km circa.

Si possono degustare ottimi piatti della cucina tipica toscana in vari altri ristoranti ubicati nel raggio di 4-5 km.

l'Orologio del 2000, opera di Maria Pia Scarciglia

Monumento al 'Fungo Innamorato' ,  opera di Maria Pia Scarciglia

LA SAGRA DEL FUNGO - Tutti gli anni, alla fine dell'estate, si celebra la "Sagra del Fungo", una manifestazione spontanea che coinvolge tutta la cittadinanza; nel tempo Pievescola è riuscita a crearsi una originale immagine in Toscana grazie alle sue Sagre che si sono succedute valorizzando il "fungo" quale preziosa risorsa culturale e gastronomica del territorio che la circonda, ricco di freschi castagneti e lecceti sempreverdi.

LA MAGNALONGA -  

Nel  Settembre 1999 è stata inaugurata un'opera bronzea, posta su un piedistallo in travertino, che raggiunge la ragguardevole altezza di circa 2,50 metri ed il peso di 10 quintali. L'opera è una creazione di Maria Pia Scarciglia, una apprezzata artista locale le cui sculture da anni trovano naturale collocazione nella Collegiata di Santa Maria Assunta, nel Palazzo Comunale di Casole d'Elsa e nella pieve romanica di Pievescola. Rappresenta due creature fantastiche, metà umane e metà fungine; è un omaggio al "Fungo Innamorato", timido nelle sue sembianze umanoidi e fungine, davanti all'immagine della sua bella, un po' svagata e sbarazzina che lo guarda con leggera ironia. Il monumento è così divenuto il "cuore" della frazione, vivo e più fruibile per cittadini e turisti.

scorci della Sagra del Fungo

Facciata della Pieve di S.Giovanni Battista a PievescolaNOTE SULLA PIEVE ROMANICA - L'attuale fisionomia di insediamento sparso contrasta con alcune tracce di mura su un lato della chiesa, mura di cui peraltro si è perduto lo sviluppo originario.

Il Repetti, alla pagina 238 del V° volume suo Dizionario Geografico Fisico Storico della Toscana ci illustra Pievescola come una località che:"Risiede sulla ripa destra dell' [fiume] Elsa alla base occidentale della Montagnuola di Siena, (...) .

Chi cercasse l'etimologia del nome a Scola potrebbe indursi a credere che nascesse dall'esservi stata di buon ora costa` una scola di lettere, oppure di canto fermo, uso che fino dai tempi longobardici trovasi indotto in alcune vetuste pievi di campagna.   Il tempio attuale della Pieve a Scuola è a tre navate, tutto di pietra arenaria squadrata con quattro arcate e cinque pilastri per parte.

La sua facciata è ornata di colonnine corintie scalanti di altezza, non già  di fusto, unite da archetti.  Una delle più vetuste memorie di questa Pieve a Scuola ce la somministra un documento dell'anno 1030"

dettaglio della Trifora sulla facciata della Pieve di S.Giovanni Battista a PievescolaNel 1356 dalla Pieve dipendevano 9 succursali, delle quali il Repetti afferma che 6, all'epoca in cui scrisse il Dizionario, risultavano perdute.

Ai nostri tempi, la facciata della chiesa e' caratterizzata da un portale ad architrave sovrastato da una trifora che la tradizione attribuisce al maestro Bonamico Pisano durante la sua permanenza in zona mentre lavorava alla Pieve di Mensano.Caratteristiche le finestrelle a doppio strombo della facciata e quelle a croce in corrispondenza delle navate laterali e dell'abside centrale.

Cristo Patiens, di Maria Pia Scarciglia

 

Sopra l'altare, un bel Cristo Patiens realizzato anch'esso da Maria Pia Scarciglia.  

 

LA VILLA RINASCIMENTALE DE "LA SUVERA" 

 Immediatamente al di sopra dell'abitato di Pievescola è ubicata la Villa de La Suvera, le cui prime tracce risalgono al 1138 come probabile possesso degli Ardengheschi, come a tal proposito afferma il Repetti "...venne ad essa donata la villa della Sughera con la chiesa e i beni di Sant'Andrea alla Sugherella, il tutto confermato all'Abbadia di San Lorenzo dell'Ardenghesca mediante bolla del 17 aprile 1194 da Celestino III. ..."

Sottomessa a Siena nel 1216, nel 1239 si verificarono dei contrasti che sfociarono, nel 1268, alla distruzione del castello da parte di Siena, che fu successivamente ricostruito nel 1382.Nuovamente in rovina, nel 1507 Papa Giulio II la ricevette in dono da Pandolfo Petrucci, Signore della Repubblica di Siena.

Papa Giulio II fece trasformare l'antica fortezza dal famoso architetto senese Baldassarre Peruzzi in una splendida villa rinascimentale, ove trascorrere i suoi periodi di riposo. Oggi è un Hotel di alto livello

La Suvera in una immagine del Romagnoli 

 

 

CASOLE D’ELSA - Il territorio è una miniera di tesori d'arte e di architettura; il paesaggio ha mantenuto quasi intatto il suo aspetto antico originale; è insignito della ‘BANDIERA ARANCIONE’, un marchio di qualità turistico ambientale che il Touring Club Italiano attribuisce soltanto a quelle località che soddisfano un turismo di qualità.

panorama di Casole d'Elsa

RISTORANTI – A 5 minuti da Torre Doganiera si possono trovare molti ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, enoteche, dove poter gustare le specialità della cucina tipica toscana come i prelibati salumi della mitica "Cinta Senese", bistecche alla fiorentina ed ottimi vini: Chianti, Brunello, Nobile, e Vernaccia. Non solo piatti importanti, ma anche tipiche pietanze della cucina minore, come la 'Ribollita', la 'Trippa' o la freschissima 'Panzanella'. Per dessert: Vinsanto e Cantucci, Ricciarelli e Panforte !

crostini misti   fettunta o bruschetta   formaggio pecorino
  terrina con fagioli   trancio di bistecca chianina  
vini senesi d'annata imbottigliati   prosciutto toscano e capocollo   zuppa ribollita

 


Hai appena terminato di scorrere la pagina : Per Saperne di Più

Se l'argomento ti è piaciuto ed esistono approfondimenti, puoi cliccare su : 

Se vuoi avere invece altre informazioni su argomenti collegati , clicca di seguito: 

Su ] [ Per Saperne di Più ] cosa vedere ] Come Arrivare ] la Terra di Casole ]

Infine, se vuoi tornare ai livelli superiori clicca su :

Home ] Appartamenti ] Chi Siamo ] Dove Siamo ] Prezzi / Prices ] cucina tipica senese ] Photogallery Index ]

E in ogni momento puoi sempre cliccare su:


Home Page Chi Siamo Appartamenti Dove Siamo ? Cosa Vedere ? Panorami e Viste

Special Offers

Astronomia !